Caratteristiche del modello cognitivo comportamentale

Mirato allo scopo: al termine dell’iniziale fase diagnostica vengono concordati gli obiettivi da raggiungere, viene stabilito un piano di trattamento che si adatti alle esigenze del singolo, vengono previsti i tempi e le modalità di verifica per il raggiungimento dei cambiamenti auspicati.

Attivo e collaborativo:  terapeuta e paziente lavorano insieme per riconoscere e modificare le modalità di pensiero a partire dalle quali si originano i problemi emotivi e di comportamento. Il terapeuta propone le strategie cognitive e comportamentali per la soluzione dei problemi, il paziente avrà il compito di mettere in pratica le strategie apprese durante gli incontri nello spazio tra una seduta e l'altra.

Centrato sul presente:  il lavoro terapeutico, soprattutto quando mirato alla soluzione di sintomi specifici, si basa sull'elaborazione di quello che succede nella vita attuale della persona. (L'attenzione al passato e alla "storia" personale è importante in fase diagnostica e in alcuni tipi di intervento)

A breve termine:  in genere gli interventi variano, in base al tipo di problema, dai tre ai dodici mesi. Tuttavia i cambiamenti vengono monitorati costantemente e dunque sono possibili valutazioni in itinere sull'efficacia dell'intervento.

Integrabile e flessibile:  nei casi di particolare gravità si presta a sinergie con il trattamento psicofarmacologico; rappresenta inoltre un riferimento teorico e strategico centrale nei programmi complessi di riabilitazione psicosociale per pazienti psichiatrici.

Efficace a lungo termine:  come già affermato in precedenza le tecniche cognitivo-comportamentali si prestano facilmente a una misurabilità dei risultati che riescono ad ottenere. Le ricerche effettuate finora, in studi replicabili, dimostrano che, per una vasta gamma di disturbi, i cambiamenti ottenuti con queste tecniche si mantengono a lungo nel tempo.

 

terapia      

MentalPress 22

Come trasformare la ruminazione patologica in uno stile di pensiero più funzionale

Ruminare è normale quando qualcosa ci preoccupa o non ne capiamo il senso. Esistono però due tipi di ruminazione: astratta …

Ruminazione: un’abitudine che usata in modo eccessivo diventa problematica

La RFCBT (Terapia Cognitivo Comportamentale Focalizzata sulla Ruminazione per la Depressione) pone al centro del trattamento …

EMDR in oncologia

Il tumore costituisce un evento con alta probabilità di traumatizzazione e ritraumatizzazione. Può comportare senso di …