Quando andare dallo psicologo-psicoterapeuta

Andare dallo Psicologo-Psicoterapeuta non vuol dire essere “matti, fuori di testa o diversi”, ma significa prendersi cura della propria salute mentale, che è parte integrante (insieme alla componente fisica, emotiva, sociale e spirituale) del benessere della persona.
Un supporto psicologico può essere utile per tutte quelle situazioni che necessitano della ricostruzione di nuovi equilibri esistenziali come per una crisi temporanea, per favorire una crescita interiore personale, per delle esigenze di orientamento, per raggiungere una maggiore e migliore consapevolezza di sé, degli altri e del proprio contesto familiare, sentimentale, sociale, lavorativo o scolastico, per affrontare cambiamenti significativi (es. cambio di lavoro, matrimonio, ecc.).
Una psicoterapia può invece servire per curare attraverso un percorso strutturato disturbi psicopatologici di diversa gravità, dal modesto disadattamento all’alienazione profonda, disturbi che possono manifestarsi in sintomi nevrotici oppure psicotici tali da nuocere al benessere della persona fino ad ostacolarne lo sviluppo causando fattiva disabilità; a tal fine si avvale di tecniche applicative della psicologia dalle quali prende specificazione, es.: psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Come trasformare la ruminazione patologica in uno stile di pensiero più funzionale

Ruminare è normale quando qualcosa ci preoccupa o non ne capiamo il senso. Esistono però due tipi di ruminazione: astratta …

Ruminazione: un’abitudine che usata in modo eccessivo diventa problematica

La RFCBT (Terapia Cognitivo Comportamentale Focalizzata sulla Ruminazione per la Depressione) pone al centro del trattamento …

EMDR in oncologia

Il tumore costituisce un evento con alta probabilità di traumatizzazione e ritraumatizzazione. Può comportare senso di …