Blog

Self-compassion: essere gentili con se stessi

La self-compassion è la compassione rivolta a se stessi.

Sperimentiamo compassione quando, vedendo qualcuno soffrire, ci sintonizziamo sul suo dolore e sentiamo la spinta a dare una mano perché sappiamo che quello che lui sta vivendo fa parte della vita e sarebbe potuto accadere a noi. Quindi la self-compassion comporta che, quando viviamo un momento di difficoltà, invece di criticarci per le decisioni prese, per non esser riusciti a ottenere quello che avremmo voluto o gli sbagli fatti, ci sintonizziamo sulla nostra emozione di sofferenza e ce ne prendiamo cura con gentilezza, consapevoli del nostro valore in quanto persone e del fatto che la vita comporti anche sofferenze.

Se da una parte si può vedere l’autocritica come un comportamento di sicurezza in quanto ha lo scopo di ridurre ogni elemento che possa farci rifiutare o abbandonare dal gruppo, oltre a evitarci sbagli futuri, dall’altra sarebbe connessa a depressione e insoddisfazione, fino anche a una svalutazione drammatica del sé. Una possibile cura all’autocritica è la self-compassion.

Nel suo libro La self-compession, Kristen Neff sostiene che la self-compassion possa permettere di raggiungere benessere emotivo e soddisfazione per la vita aprendo la strada a stati mentali positivi come felicità e ottimismo.

Da cosa è costituita la self-compassion?

  • gentilezza verso se stessi: trattare con cura la nostra soffrenza permette di calmare la mente agitata
  • riconoscimento dell’ umanità comune: la consapevolezza che l’esistenza umana è imperfetta, che gli esseri umani pure lo sono aumenta il senso di connessione fondamentale per la nostra salute mentale
  • mindfulness: accettare, non esasperare o eludere e guardare senza giudicare il nostro dolore costituiscono un passaggio importante per avere una mente lucida, orientata al presente e dunque capace di individuare cosa possiamo cambiare e cosa no, quale direzione prendere per realizzarci in ciò che noi è importante.

Dunque quali sono i modi per accedere alla self-compassion?

  • trattarsi con gentilezza
  • ricordarsi che la vita è un percorso difficile per tutti e che sbagliare è umano
  • essere consapevole dei propri pensieri e delle proprie emozioni senza identificarsi con essi.

Self-compassion: essere gentili con se stessi

La self-compassion è la compassione rivolta a se stessi. Sperimentiamo compassione quando, vedendo qualcuno soffrire, ci …

Resilienza: anche gli eventi negativi hanno qualcosa di buono

Secondo google il significato figurativo di trauma è: evento negativo che incide sulla persona e la disorienta. La lista …

Equilibrio nell’incertezza: come tornare a star bene

Ho già scritto in qualche articolo di questo blog che ognuno di noi dovrebbe avere una personale cassetta degli attrezzi …