Blog

Critiche: per comunicare con efficacia è importante saperle fare e ricevere

Una parte utile del training assertivo è costituita dall’imparare ad esprimere un’opinione diversa da quella del proprio interlocutore, che sia un semplice disappunto o una vera e propria critica. Esistono tecniche che aiutano a farlo rimanendo nell’ambito del rispetto per se stessi e per l’altro e che quindi garantiscono la preservazione della relazione nonostante la natura conflittuale della circostanza.

Innanzitutto occorre distinguere tra critiche costruttive e critiche aggressive/manipolative. Le prime sono espresse in termini positivi, circostanziate al contesto e si riferiscono al comportamento (es. il tuo intervento è stato utile ma l’essere arrivato in ritardo ha rallentato il lavoro). Le seconde invece sono indirizzate alla persona e presentano elementi assolutistici come tutto, mai, sempre, ecc. (es. sei sempre il solito, non cambi mai).

Le critiche costruttive, che rispettano i sentimenti propri e dell’interlocutore, aiutano a migliorasi. Ad esse si risponde con l’asserzione negativa. Questa modalità prevede:

l’ammissione condizionata dell’errore

e una domanda sull’opinione dell’interlocutore

es. si potrebbe fare meglio, tu cosa mi consigli?

L’asserzione negativa riduce l’ansia e l’atteggiamento difensivo di chi la rivolge, come pure l’atteggiamento critico di chi per primo ha espresso disappunto.

Le critiche aggressive e manipolative provocano invece senso di colpa, ansia, senso di ignoranza. Ad esse si risponde con tecniche che proteggono dall’attacco dell’interlocutore ma ovviamente possono portare a un’interruzione della comunicazione. Tra queste tecniche ci sono il disco rotto, l’annebbiamento, l’ignorare selettivamente gli spunti, il disarmare la collera, l’inchiesta negativa. L’inchiesta negativa è tra le più utili e comprende:

l’ammissione della colpa,

il dichiarare la propria non intenzionalità

e la disponibilità a rimediare

es. è vero, sono stato io, mi dispiace, non era mia intenzione, posso rimediare in qualche modo?

Self-compassion: essere gentili con se stessi

La self-compassion è la compassione rivolta a se stessi. Sperimentiamo compassione quando, vedendo qualcuno soffrire, ci …

Resilienza: anche gli eventi negativi hanno qualcosa di buono

Secondo google il significato figurativo di trauma è: evento negativo che incide sulla persona e la disorienta. La lista …

Equilibrio nell’incertezza: come tornare a star bene

Ho già scritto in qualche articolo di questo blog che ognuno di noi dovrebbe avere una personale cassetta degli attrezzi …