Blog

Ho bisogno di uno psicologo: come lo scelgo? cosa mi aspetto?

Ecco alcune considerazioni utili da fare quando vogliamo rivolgerci a uno specialista per affrontare una qualche difficoltà psicologica.

Innanzi tutto si deve distinguere tra psicologo e psicoterapeuta. Lo psicologo ha conseguito una laurea in psicologia. Mentre lo psicoterapeuta, dopo cinque anni di università, ha anche frequentato una scuola di specializzazione in psicoterapia.

Esistono vari tipi di specializzazione es. cognitivo-comportamentale, sistemica, psicodinamica, ecc.

Solitamente gli psicoterapeuti indicano il proprio indirizzo di specializzazione nel loro bigliettino da visita o sul loro sito web. In ogni caso è un’informazione utile da chiedere perché a ogni indirizzo di specializzazione corrisponde una teoria di riferimento. Cosa vuol dire? La teoria, ossia la concezione del funzionamento e comportamento dell’essere umano, è diversa da una scuola all’altra per cui diversi saranno il focus e gli strumenti proposti. Dunque è importante quando si sceglie uno psicoterapeuta chiedere quale sia l’ orientamento seguito e le sue caratteristiche principali. La condivisione di questi aspetti permette di fare una scelta ancor più consapevole perché chiarisce da subito se il modo di lavorare proposto è un qualcosa con cui si è o no d’accordo.

Psicologi e psicoterapeuti per esercitare devono essere iscritti all’Albo degli Psicologi/Psicoterapeuti della regione di riferimento.

Facciamo adesso un esempio: vedo per la prima volta uno specialista perché penso di avere un problema di natura psicologica. L’ho trovato consultando l’Albo della mia regione. È gentile con me ma non mi sento a mio agio oppure non sono molto convinta del metodo che usa. Cosa faccio? Mi costringo a proseguire gli incontri? Mi dico “ci ho provato, non ha funzionato, lascio perdere e basta”? Lo psicologo/psicoterapeuta è un essere umano e anche per lui vale la regola che non si può piacere a tutti. Al di là della sua competenza, può accadere che qualcosa non ci convinca dal punto di vista umano o per il metodo che usa. Questo non deve farci desistere dal cercare uno specialista che possa aiutarci ad affrontare le nostre difficoltà di natura psicologica. Per cui no, non devo dire “basta, lascio perdere”, semplicemente ne cerco un altro.

Equilibrio nell’incertezza: come tornare a star bene

Ho già scritto in qualche articolo di questo blog che ognuno di noi dovrebbe avere una personale cassetta degli attrezzi …

I confini personali nella relazione con l’altro

Quando penso alla relazione tra due persone mi viene in mente l’incontro tra una goccia di olio e una di acqua. Dove finisce …

Le nuove regole dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia Romagna

L’ Ordine degli Psicologi dell’ Emilia Romagna ha pubblicato un vademecum per preservare la salute di tutti durante …